• Guida all' iter autorizzativo per l'installazione di impianti fotovoltaici in Sardegna

    Le linee guida dell' iter autorizzativo per l'installazione di impianti fotovoltaici a terra previste dalla regione Sardegna prevedono sia criteri di idoneità di carattere nazionale che peculiarità regionali: non solo aree al di fuori del perimetro di quelle aree tutelate individuate dal PPR , ma aree con caratteristiche specifiche, sia agricole che industriali, che più di altre risultano favorevoli per il corretto inserimento degli impianti solari a terra.

  • Abbiamo già visto nelle guide precedenti che l’autorizzazione di impianti fotovoltaici a terra è materia di competenza regionale. Scopriamo insieme i criteri di idoneità della regione Sardegna e le peculiarità del suo PPR (Piano Paesaggistico Regionale).

    Come in altre regioni, anche il Piano Paesaggistico Regionale della Sardegna si fonda sui principi base della tutela e della valorizzazione storica, ambientale e culturale.


    All’interno del PPR è definito un elenco di aree tutelate, considerate non idonee per l’installazione di impianti fotovoltaici in Sardegna poiché in contrasto con le normative nazionali e regionali vigenti:

    • siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO;
    • zone situate in prossimità di parchi archeologici;
    • aree naturali protette ai diversi livelli (nazionale, regionale, locale);
    • zone umide di importanza internazionale designate ai sensi della Convenzione di Ramsar;
    • aree incluse nella Rete Natura 2000 (siti di interesse comunitario, zone di protezione speciale);
    • aree non comprese in quelle di cui ai punti precedenti ma che svolgono funzioni determinanti per la conservazione della biodiversità (es. fasce di rispetto o aree contigue delle aree naturali protette);
    • aree agricole interessate da produzioni agricolo alimentari di qualità (produzioni biologiche, produzioni D.O.P., I.G.P., S.T.G., D.O.C., D.O.C.G.,produzioni tradizionali);
    • aree caratterizzate da situazioni di dissesto e/o rischio idrogeologico perimetrate nei Piani di Assetto Idrogeologico (P.A.I.)

    Queste però sono solo alcune delle restrizioni previste per l' iter autorizzativo.

    Analizzando infatti la deliberazione n. 30/2 del 23/05/2008 intitolata “Linee guida per l’individuazione degli impatti potenziali degli impianti con pannelli solari e loro corretto inserimento nel territorio” troviamo ulteriori peculiarità che vengono definite a livello regionale.


    Il Presidente della Regione Renato Soru infatti individua tre potenziali aree che potrebbero essere sfruttate per la progettazioni di impianti fotovoltaici in Sardegna su terreni:

     

    a) aree di pertinenza di stabilimenti produttivi, di potabilizzatori, di depuratori, di impianti di trattamento, recupero e smaltimento rifiuti, di impianti di sollevamento delle acque o di attività di servizio in genere, per i quali gli impianti integrano o sostituiscono l’approvvigionamento energetico in regime di autoproduzione.


    b) aree industriali o artigianali così come individuate dagli strumenti pianificatori vigenti;


    c) aree compromesse dal punto di vista ambientale, costituite esclusivamente da perimetrazioni di discariche controllate di rifiuti in norma e/o perimetrazioni di aree di cava dismesse, di proprietà pubblica o privata.

  • iter autorizzativo impianti fotovoltaici in sardegna
  • E per le aree agricole??

    Questa deliberazione ha infatti riscosso non poche perplessità in tutti i proprietari di terreni agricoli alla ricerca di soluzioni di affitto alternative all’agricoltura, come quella che prevede l’installazione di un impianto fotovoltaico a terra.


    “Difatti, le istanze pervenute riguardano perlopiù impianti di notevoli estensioni, localizzati in area agricola, su porzioni del territorio talvolta classificate dal Piano Paesaggistico Regionale come componenti a forte valenza ambientale (aree naturali e sub-naturali, aree seminaturali). (...) Per tale motivo si è individuato un criterio di idoneità, per tutti gli impianti fotovoltaici ricadenti in aree agricole, basato sulla “autoproduzione energetica”.


    Il concetto di autoproduzione energetica espresso all’interno della deliberazione individua come aree agricole idonee quelle di pertinenza di stabilimenti produttivi, nonché di imprese agricole in cui la funzione degli impianti fotovoltaici installati è quella di integrare e/o sostituire l’approvvigionamento energetico.


    La pertinenza agli stabilimenti produttivi è sicuramente un criterio di idoneità , ma ad ogni modo l’ art. 12 comma 7 del D.Lgs 29.12.2003 n. 387 definisce comunque che gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili possono essere ubicati anche in zone classificate “E” dai vigenti strumenti urbanistica.


    Pertanto in fase di conferenza dei servizi avranno sicuramente maggiori possibilità di esito positivo tutti quei progetti ricadenti in aree industriali, ex cava o discarica, aree compromesse dal punto di vista ambientale e saranno valutati positivamente i progetti di impianti fotovoltaici in aree agricole di pertinenza di stabilimenti produttivi.


    Per tutti gli altri progetti ricadenti in zone agricole “E”, i diversi enti preposti (tra cui anche il Comune) in fase di conferenza dei servizi, valuteranno singolarmente l’idoneità del progetto.

    Limiti di potenza

    All’interno delle linee guida dell' iter autorizzativo troviamo al punto 3 un approfondimento relativo ai limiti di potenza. Si legge infatti che “al fine di regolamentare l’utilizzo di territorio, seppur industriale, occupato dagli impianti fotovoltaici, appare necessario stabilire un tetto massimo alla potenza installabile per le categorie di impianto”.


    Per le categorie di aree di pertinenza di stabilimenti produttivi non è prevista alcuna limitazione di potenza, in quanto “sarà autoregolamentata dalle esigenze stesse dell’utenza servita”.


    Per le categorie di aree industriali o artigianali, invece, la percentuale di occupabilità varia da 2% a 8% e va calcolata sulla superficie urbanizzata dell’area industriale:


    “Ogni area industriale di estensione superiore ai 100 ha potrà accogliere una superficie lorda complessiva di tutti gli impianti fotovoltaici autorizzati, per una percentuale non superiore al 2 % della superficie dell’area stessa. La percentuale è valutata pari al 3% nel caso di tutte le altre aree industriali e artigianali, così come individuate dagli strumenti pianificatori vigenti, di estensione inferiore ai 100 ha, del 4% per superfici inferiori a 50 ha e dell’ 8% per superfici inferiori a 20 ha”.


    Possibilità di deroga è prevista se i progetti dell' impianto fotovoltaico sono proposti dai Comuni per i propri fabbisogni. In questo caso si estende il limite di potenza a 1 MWp e una superficie occupata non superiore a 1,5 ha.


    Infine, per le categorie di cave dismesse pubbliche o private, la deliberazione prevede come segue:


    “Si ritiene di dover limitare la potenza ad 1MWp e per una superficie occupata non superiore al 20 % del totale, al fine di limitare l’interferenza che la presenza dell’impianto fotovoltaico potrà comportare nelle attività di recupero”.
     

×
La presente informativa sulla privacy ("Informativa sulla privacy") spiega come i vostri dati personali vengono raccolti ed utilizzati da Capital PV, società a responsabilità limitata, iscritta al Registro del Commercio e delle Società di Parigi con il numero 840 695 589, la cui sede legale si trova al 28, rue des colonnes du trône, 75012 Parigi (di seguito "Capital PV").
Questo documento si sofferma in particolare su : 
-	Per quali scopi utilizziamo i vostri dati;
-	Come raccogliamo i dati ;
-	Persone con le quali possiamo condividere i vostri dati;
-	Per quanto tempo i vostri dati saranno conservati;
-	I vostri diritti.

1)	Per quali scopi utilizziamo i vostri dati?

Utilizziamo i vostri dati per:

- informare sui Servizi in conformità al nostro interesse di informare gli utenti dei nostri Servizi ;
- studiare il vostro progetto e fornire servizi di relazioni con gli investitori in conformità con la vostra richiesta, sia attraverso un investimento proposto dalla stessa Capital PV, sia trasmettendo i vostri dati agli investitori partner di Capital PV che potrebbero essere interessati al vostro progetto. Questo trattamento è necessario per l'esecuzione del contratto con il cliente interessato, o effettuato in conformità con il vostro consenso alla trasmissione dei vostri dati ai nostri investitori partner potenzialmente interessati al vostro progetto;
- per inviarvi indagini e sondaggi di soddisfazione in conformità con l'interesse legittimo di Capital PV di migliorare la qualità dei suoi servizi;
- gestire le azioni precontenziose e le azioni legali in conformità con la necessità di eseguire il contratto e con l'interesse legittimo di Capital PV di stabilire la prova di un diritto o di un contratto;
- identificare, indagare e prevenire qualsiasi attività che possa violare le nostre condizioni d'uso; che possano essere fraudolente, o che più in generale possano rivelarsi illegali; rispettare i requisiti di legge, ma anche il nostro legittimo interesse a proteggere i nostri diritti, nonché i diritti e la sicurezza di terzi ed in particolare degli Investitori.

2)	Come vengono raccolti i vostri dati personali?

Raccogliamo i vostri dati personali direttamente da voi. Essi possono anche essere raccolti  indirettamente da altre fonti:

I dati di geolocalizzazione ad esempio sono raccolti indirettamente tramite fonti non pubbliche https://www.jotform.com/ e https://www.123formbuilder.com/.

3)	A quali categorie di destinatari vengono comunicati i dati? 

I Suoi dati personali sono comunicati ai soggetti, servizi e organizzazioni seguenti, ciascuno dei quali ha interesse al trattamento dei Suoi dati personali:
	Persone autorizzate dai servizi di Capital PV: servizi di informazione, di networking e di sviluppo.
	persone autorizzate dei servizi dell'Investitore: installazione, sviluppo finanziamento e servizi di investimento.
	fornitori di servizi e subappaltatori incaricati da Capital PV di assisterla nella gestione delle sue attività, in particolare per quanto riguarda la gestione del Sito Web (hosting, manutenzione), lo sviluppo della sua attività, la gestione del rapporto con l'Investitore e la conclusione del contratto di locazione enfiteutica;
	fornitori di servizi e subappaltatori incaricati dall'Investitore di assisterlo nella gestione delle sue attività ;
	i dati personali possono essere comunicati a terzi se Capital PV o l'Investitore è obbligato a farlo in virtù di una legge o di una disposizione regolamentare, in particolare per quanto riguarda la vigilanza sanitaria, un'ordinanza del tribunale o se tale comunicazione è necessaria nell'ambito di un'indagine o di una procedura, in territorio francese o all'estero, o se è necessario per indagare, prevenire o adottare misure relative ad attività illegali o a sospette frodi.

4)	Per quanto tempo conserviamo i vostri dati?

I dati necessari per l'esecuzione del contratto sono conservati per tutta la durata del rapporto contrattuale. Essi vengono poi conservati in un'archiviazione intermedia, al fine di adempiere ai vari obblighi di legge, in particolare contabili o fiscali, ma anche per conservare ogni prova utile in caso di contenzioso, nei limiti dei vari termini di prescrizione applicabili secondo le finalità sopra descritte.

I dati raccolti al momento dell'invio di un file sul sito web vengono conservati per tre anni dalla data di invio.

I dati relativi alla vostra richiesta di opposizione al trattamento saranno conservati per un periodo di tre (3) anni dalla data di ricevimento della vostra richiesta.


5)	Di quali diritti disponete in merito ai vostri dati personali? 

Avete il diritto di accedere, rettificare e cancellare i dati personali che vi riguardano, nonché il diritto alla portabilità dei dati da voi forniti alle condizioni previste dalla normativa sulla protezione dei dati personali per l'esercizio di tale diritto. 

Avete inoltre il diritto di opporvi al trattamento dei vostri dati per motivi legati alla vostra situazione particolare, nonché il diritto di impartire istruzioni sulla sorte dei vostri dati personali dopo la vostra morte e di chiedere che il trattamento dei vostri dati personali sia limitato. 

Per esercitare i vostri diritti, potete contattarci scrivendo a info@capitalpv.it o al seguente indirizzo postale: Capital PV, 28 rue des colonnes du Trône 75012 Parigi. 

Avete anche il diritto di presentare un reclamo all'autorità competente per la protezione dei dati personali in Francia, la CNIL.

6)	Modifiche all'informativa sulla privacy

Possiamo rivedere o integrare la presente Informativa sulla privacy, in particolare per tenere conto di nuovi scopi o cambiamenti nella legislazione. Tali modifiche saranno effettive a partire dalla loro pubblicazione. Vi informeremo di eventuali modifiche tramite un messaggio di notifica pubblicato sul sito web o con qualsiasi altro mezzo di comunicazione. Vi invitiamo a controllare e rileggere periodicamente questa Politica per assicurarvi di essere a conoscenza dell'ultima versione.

7)	Contatto Capitale PV

Se avete commenti o domande relative a questo documento, potete scriverci all'indirizzo: info@capitalpv.it o al seguente indirizzo postale: Capital PV, 28 rue des colonnes du Trône 75012 Paris, France.