• Cabine elettriche di bassa, media o alta tensione? Quali sono le modalità di connessione per impianti fotovoltaici a terra?

    Scopriamo insieme quali sono le principali differenze tra le cabine di trasformazione dell’energia elettrica, che distinguono soprattutto un traliccio da una cabina, e che consentono la connessione e l'installazione degli impianti fotovoltaici a terra.

  • Se hai mai pensato di affittare il tuo terreno per l’installazione di impianti fotovoltaici a terra, avrai sentito parlare almeno una volta dell’aspetto relativo alla distanza dalla cabina di allaccio alla rete elettrica nazionale. Tuttavia non sempre quello che può sembrare un punto di connessione, lo è davvero.

     

    La distribuzione dell’energia elettrica avviene tramite delle linee (pali, tralicci) chiamati anche elettrodotti, ovvero strutture composte da linee elettriche aeree e linee interrate inserite in strutture adibite al passaggio di cavi elettrici, i cavidotti.

     

    Sono un vero e proprio canale di distribuzione dell’energia elettrica, ovvero centrali elettriche che hanno il compito di trasformare, convertire o smistare l’energia elettrica.

     

    Prima di concentrarci su quali sono le principali tipologie di cabine, occorre fare una piccola introduzione sui tralicci o elettrodotti: nonostante abbiano tutti la stessa funzione, anche per le linee di tensione troviamo tipologie differenti, in termini di materiale compositivo e potenza di energia distribuibile.

    Il traliccio infatti può essere di acciaio tubolare, acciaio reticolare, legno o calcestruzzo.

    Il traliccio in acciaio tubolare viene impiegato per la distribuzione di energia sia di media che di alta tensione (dai 110 kV ai 500 kV). E’ molto simile al traliccio in acciaio reticolare, in cui cambia però la geometria della struttura, caratterizzata proprio come indica lo stesso termine da un reticolo di acciaio che si sviluppa verticalmente. Quest’ultimo è facilmente flessibile nell’ambito di utilizzo per le diverse tipologie di tensioni, anche se il suo uso più ricorrente è nella distribuzione dell’ alta tensione. Entrambi possono avere un’altezza variabile da 90 a 250 m.

     

    L’immagine sottostante mostra a sinistra un traliccio in acciaio tubolare di design e nella foto di destra due esempi di tralicci in acciaio tubolare normale e reticolare. Può essere molto comune trovare strutture simili vicine al proprio terreno, tuttavia è bene specificare che non si tratta di cabine ma solo di canali di distribuzione.

  • Il traliccio in legno, ormai quasi in disuso, presenta una struttura totalmente diversa rispetto ai precedenti. Il primo punto di distacco che ci permette di distinguerli è l’altezza di circa 30 m; il secondo è la potenza di tensione che possono trasportare, solitamente intorno ai 30 kV. Il vantaggio che presentano senza dubbio è la funzione isolante del legno.

    Ecco nell’immagine sottostante un esempio di classico traliccio in legno.

  • Infine per chiudere il cerchio dei materiali e delle diverse tipologie, vediamo i tralicci in calcestruzzo.

    Questi possono avere un'altezza variabile intorno ai 60 m o poco più e solitamente vengono impiegati per la distribuzione di tensione inferiore ai 30 kV. Fanno eccezione quelli impiegati nella rete di trasporto pubblico, in cui possono raggiungere anche potenze intorno ai 110 kV.

  • Tutta queste rete di distribuzione trova punto di arrivo in cabine, localizzate in diverse aree e con differenti funzioni.
     
    Una guida di ABB spa, multinazionale svedese nell’energia e nell’automazione, fornisce una chiara e semplice definizione di cabina elettrica:
     

    “Una cabina elettrica è una parte dell’impianto elettrico che comprende le terminazioni delle linee di trasmissione o distribuzione, apparecchiature e quadri elettrici e che può anche includere dei trasformatori”.

    Come già preannunciato all’inizio dell’articolo, in relazione alla funzione svolta, può essere definita come cabina di trasformazione, conversione, trasmissione o distribuzione.

    Tuttavia non è l’unica differenza esistente: un altro criterio di catalogazione è infatti la differenza tra cabine pubbliche e cabine private. Se le prime alimentano le utenze private e sono di pertinenza della società di distribuzione dell’energia elettrica di riferimento, le seconde sono invece di proprietà di un utente privato e si possono considerare come cabine di tipo “terminale”, ossia cabine in cui la linea si ferma nel punto di installazione della cabina stessa (tipiche nelle utenze ad esempio di aziende o ospedali).


    Le cabine possono essere altresì distinte in cabine primarie e cabine secondarie. Le cabine primarie sono quelle comunemente definite di alta tensione; banalmente invece parliamo di cabine secondarie per la media e la bassa tensione.


    Prima di introdurre le diverse tipologie di cabine elettriche e i relativi esempi fotografici, vediamo un passaggio chiave fondamentale nell’inquadramento delle diverse distinzioni attraverso il ciclo di vita dell’energia.


    La corrente viene trasformata da alta a media tensione attraverso le cabine, dette cabine primarie. Successivamente, la media tensione viene trasformata in bassa tensione attraverso delle cabine secondarie (MT/BT), che distribuiscono la corrente elettrica a tutti gli utenti.

  • trasformazione corrente elettrica cabine di connessione per impianti fotovoltaici a terra
  •  Come si evince dalle immagini soprastanti, le cabine di media tensione (MT) possono presentarsi con strutture differenti:

    - A torretta: con delle linee elettriche visibili;
    - A box: con i cavi di linee elettriche interrate;
     

    Le cabine di media tensione possono essere utilizzate per la connessione di impianti fotovoltaici a terra. Al contrario invece quelle di bassa tensione sono destinate ad un uso prettamente privato, legato al singolo utente e per potenze connesse nettamente inferiori.

  • Le cabine primarie presentano invece una struttura ben più complessa e dall’aspetto di una vera e propria centrale elettrica, in cui al suo interno troviamo tantissime componenti, che semplificando potremmo racchiudere principalmente in: linee elettriche ad alta tensione, trasformatori di tensione e di corrente e infine interruttori sia per le linee che per i trasformatori.

    Quest'ultima tipologia di cabina, insieme alla cabina secondaria di media tensione, sono quelle più frequentemente utilizzate nell’ambito della connessione di un impianto fotovoltaico installato a terra e la scelta di una rispetto all’altra dipende principalmente dall’area utile di un terreno su cui è possibile installare pannelli fotovoltaici e dai costi di connessione.
    Solitamente si stima che su estensioni comprese tra i 2 e i 12 ettari è possibile valutare soluzioni in media tensione; a partire dai 12 si valutano direttamente connessioni in alta tensione.
     
    La scelta dipende anche dalla tipologia di pannelli fotovoltaici installati, non solo dalla potenza. In linea generale potremmo semplificare che fino a 10 MW è possibile connettersi sulle cabine di media tensione. A partire dai 10 MW a salire invece ci si allaccia in alta tensione.
    Per le cabine palo (c.d trasformatori) invece è possibile connettersi fino a c.a. 6 MW.
     
    Giusto per avere un’idea più diretta, solitamente si stima che è possibile installate 1 MW ogni 2 ettari di superficie (20.000 mq).

  • Esempio di cabina palo

    cabina elettrica a  palo per connessione di impianti di pannelli solari a terra
  • Calcola ora il valore di affitto del terreno

    Per ricevere via mail la simulazione del valore di affitto del vostro terreno, è sufficiente compilare il seguente formulario.

×
La presente informativa sulla privacy ("Informativa sulla privacy") spiega come i vostri dati personali vengono raccolti ed utilizzati da Capital PV, società a responsabilità limitata, iscritta al Registro del Commercio e delle Società di Parigi con il numero 840 695 589, la cui sede legale si trova al 28, rue des colonnes du trône, 75012 Parigi (di seguito "Capital PV").
Questo documento si sofferma in particolare su : 
-	Per quali scopi utilizziamo i vostri dati;
-	Come raccogliamo i dati ;
-	Persone con le quali possiamo condividere i vostri dati;
-	Per quanto tempo i vostri dati saranno conservati;
-	I vostri diritti.

1)	Per quali scopi utilizziamo i vostri dati?

Utilizziamo i vostri dati per:

- informare sui Servizi in conformità al nostro interesse di informare gli utenti dei nostri Servizi ;
- studiare il vostro progetto e fornire servizi di relazioni con gli investitori in conformità con la vostra richiesta, sia attraverso un investimento proposto dalla stessa Capital PV, sia trasmettendo i vostri dati agli investitori partner di Capital PV che potrebbero essere interessati al vostro progetto. Questo trattamento è necessario per l'esecuzione del contratto con il cliente interessato, o effettuato in conformità con il vostro consenso alla trasmissione dei vostri dati ai nostri investitori partner potenzialmente interessati al vostro progetto;
- per inviarvi indagini e sondaggi di soddisfazione in conformità con l'interesse legittimo di Capital PV di migliorare la qualità dei suoi servizi;
- gestire le azioni precontenziose e le azioni legali in conformità con la necessità di eseguire il contratto e con l'interesse legittimo di Capital PV di stabilire la prova di un diritto o di un contratto;
- identificare, indagare e prevenire qualsiasi attività che possa violare le nostre condizioni d'uso; che possano essere fraudolente, o che più in generale possano rivelarsi illegali; rispettare i requisiti di legge, ma anche il nostro legittimo interesse a proteggere i nostri diritti, nonché i diritti e la sicurezza di terzi ed in particolare degli Investitori.

2)	Come vengono raccolti i vostri dati personali?

Raccogliamo i vostri dati personali direttamente da voi. Essi possono anche essere raccolti  indirettamente da altre fonti:

I dati di geolocalizzazione ad esempio sono raccolti indirettamente tramite fonti non pubbliche https://www.jotform.com/ e https://www.123formbuilder.com/.

3)	A quali categorie di destinatari vengono comunicati i dati? 

I Suoi dati personali sono comunicati ai soggetti, servizi e organizzazioni seguenti, ciascuno dei quali ha interesse al trattamento dei Suoi dati personali:
	Persone autorizzate dai servizi di Capital PV: servizi di informazione, di networking e di sviluppo.
	persone autorizzate dei servizi dell'Investitore: installazione, sviluppo finanziamento e servizi di investimento.
	fornitori di servizi e subappaltatori incaricati da Capital PV di assisterla nella gestione delle sue attività, in particolare per quanto riguarda la gestione del Sito Web (hosting, manutenzione), lo sviluppo della sua attività, la gestione del rapporto con l'Investitore e la conclusione del contratto di locazione enfiteutica;
	fornitori di servizi e subappaltatori incaricati dall'Investitore di assisterlo nella gestione delle sue attività ;
	i dati personali possono essere comunicati a terzi se Capital PV o l'Investitore è obbligato a farlo in virtù di una legge o di una disposizione regolamentare, in particolare per quanto riguarda la vigilanza sanitaria, un'ordinanza del tribunale o se tale comunicazione è necessaria nell'ambito di un'indagine o di una procedura, in territorio francese o all'estero, o se è necessario per indagare, prevenire o adottare misure relative ad attività illegali o a sospette frodi.

4)	Per quanto tempo conserviamo i vostri dati?

I dati necessari per l'esecuzione del contratto sono conservati per tutta la durata del rapporto contrattuale. Essi vengono poi conservati in un'archiviazione intermedia, al fine di adempiere ai vari obblighi di legge, in particolare contabili o fiscali, ma anche per conservare ogni prova utile in caso di contenzioso, nei limiti dei vari termini di prescrizione applicabili secondo le finalità sopra descritte.

I dati raccolti al momento dell'invio di un file sul sito web vengono conservati per tre anni dalla data di invio.

I dati relativi alla vostra richiesta di opposizione al trattamento saranno conservati per un periodo di tre (3) anni dalla data di ricevimento della vostra richiesta.


5)	Di quali diritti disponete in merito ai vostri dati personali? 

Avete il diritto di accedere, rettificare e cancellare i dati personali che vi riguardano, nonché il diritto alla portabilità dei dati da voi forniti alle condizioni previste dalla normativa sulla protezione dei dati personali per l'esercizio di tale diritto. 

Avete inoltre il diritto di opporvi al trattamento dei vostri dati per motivi legati alla vostra situazione particolare, nonché il diritto di impartire istruzioni sulla sorte dei vostri dati personali dopo la vostra morte e di chiedere che il trattamento dei vostri dati personali sia limitato. 

Per esercitare i vostri diritti, potete contattarci scrivendo a info@capitalpv.it o al seguente indirizzo postale: Capital PV, 28 rue des colonnes du Trône 75012 Parigi. 

Avete anche il diritto di presentare un reclamo all'autorità competente per la protezione dei dati personali in Francia, la CNIL.

6)	Modifiche all'informativa sulla privacy

Possiamo rivedere o integrare la presente Informativa sulla privacy, in particolare per tenere conto di nuovi scopi o cambiamenti nella legislazione. Tali modifiche saranno effettive a partire dalla loro pubblicazione. Vi informeremo di eventuali modifiche tramite un messaggio di notifica pubblicato sul sito web o con qualsiasi altro mezzo di comunicazione. Vi invitiamo a controllare e rileggere periodicamente questa Politica per assicurarvi di essere a conoscenza dell'ultima versione.

7)	Contatto Capitale PV

Se avete commenti o domande relative a questo documento, potete scriverci all'indirizzo: info@capitalpv.it o al seguente indirizzo postale: Capital PV, 28 rue des colonnes du Trône 75012 Paris, France.